Nessuna responsabilità per cause di forza maggiore, l’opinione dell’Avvocato Nicola Ricciardi

Nicola Ricciardi commenta sentenzaIn caso di agevolazione fiscale concessa non ci può essere una revoca in presenza di cause di forza maggiore, non imputabili quindi alla parte che ha diritto al beneficio, cause che impediscono alla parte interessata di rispettare il termine stabilito per mantenerle.
L’Avvocato Nicola Ricciardi ha scritto un articolo dedicato proprio a questa vicenda e alla sentenza 113/4/13 della Ct di primo grado di Trento. I fatti riguardano un avviso di liquidazione per imposta di registro, ipotecaria e catastale, con cui l’Agenzia delle Entrate revocava le agevolazioni previste per il trasferimento di immobili in aree soggette a piani urbanistici particolareggiati per mancata utilizzazione edificatoria dell’area entro cinque anni dall’acquisto.

Quali sono gli adempimenti per avere agevolazioni fiscali?

La Commissione, in primo luogo, ha dichiarato “pare non del tutto fuori luogo un richiamo all’art. 1218 c.c. (responsabilità del debitore) solo per rammentare che il legislatore ha considerato la non imputabilità della causa, escludendo quindi la responsabilità del debitore, quando questi provi che l’inadempimento o il ritardato adempimento è stato determinato da impossibilità derivante da causa a lui non imputabile”; poi ha considerato che “dopo aver avviato entro il termine di cinque anni il procedimento amministrativo, sono insorti presso gli uffici competenti al rilascio della concessione edilizia i problemi di interpretazione delle norme del Piano Regolatore Generale e le ripetute sospensioni della pratica, con richieste di integrazione della documentazione”.

Come spiega l’Avvocato Ricciardi, per questa ragione i giudici hanno stabilito che il superamento del termine di legge è dipeso dal protrarsi del procedimento amministrativo, dovuto anche a situazioni contingenti e imprevedibili, che ha portato al rilascio della concessione edilizia dopo quasi due anni e mezzo dalla presentazione della relativa domanda; ciò senza che siano stati dedotti fatti imputabili alla ricorrente, a carico della quale non può pertanto gravare la revoca delle agevolazioni concesse.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in avvocato nicola ricciardi, Comunicati & News e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...